Lascia un commento

Possa la Fortuna essere sempre a vostro favore!

20131129-025854.jpg

Il secondo episodio della saga di Katniss Everdeen è arrivato. Hunger Games – Catching Fire non delude le aspettative. Al contrario: le supera e le alimenta in vista del terzo capitolo.
I libri di Suzanne Collins non sono stati stravolti come è accaduto con altri. Chi li ha letti sa cosa aspettarsi, e non è giusto rovinare la visione di un film godibilissimo a chi non lo ha ancora fatto: vi basti sapere che Jennifer Lawrence conferma le sue doti recitative.

La ventitreenne de Kentucky è ugualmente adatta all’azione quanto al dramma, irradia un’intensità tale da trasmettere gli stati d’animo del suo personaggio al pubblico. In sala mi sono resa conto che non era una sensazione personale: ascoltando i commenti degli altri spettatori durante l’intervallo, mi sono resa conto che il più frequente era “Che ansia!”, e non era espresso in senso negativo. Eravamo tutti nell’arena con Katniss, chi non sarebbe stato ansioso? Jennifer inoltre non è il genere di bellezza hollywoodiana a cui siamo abituati. Insomma, è una ragazza attraente ma non è un grissino: di certo non è grassa, ma ha l’aspetto di una persona allenata e in salute, il che, dopo anni di modelli irraggiungibili, fa piacere. Il fatto che una donna sia l’unico vero motore dell’azione non è un’abitudine, ma lei non pare soffrire la pressione. La scena è tutta sua.

Katniss è famosa e contesa: continua la farsa con Peeta Mellark, così come la relazione segreta con Gale Hawthorne. Josh Hutcherson e Liam Hemsworth caratterizzano bene le due facce della medaglia dell’amore. Il buono, sensibile ma pronto a tutto Peeta, che farebbe qualunque cosa per Katniss e Gale, il cacciatore, il coraggioso, la testa calda, altrettanto innamorato di lei, sono due ottimi comprimari, due spalle maschili ideali per un personaggio femminile così complesso.
Donald Sutherland è impegnato nei panni del malvagio Presidente Snow, Philip Seymour-Hoffman è il nuovo e sorprendente stratega, un lucciante Stanley Tucci è lo stravagante conduttore televisivo Ceasar, Woody Harrelson è il mentore Haymitch. Ritroviamo anche Lenny Kravitz ed Elisabeth Banks, Cinna ed Effie. Vi sembrano molti, questi nomi? Eppure il cast è molto più ampio, e ogni personaggio è fondamentale per il funzionamento della trama: immaginate questo film come un orologio, in cui ogni piccolo ingranaggio è assolutamente necessario per garantire che tutto vada per il meglio.
Gli effetti speciali sono quelli di cui c’è bisogno in un film ambientato in una realtà alternativa distopica: molti ma non esagerati. Meritano una menzione d’onore i costumi. Vi sono simboli in ognuno di essi e quello in cui Katniss si trasforma da giovane promessa sposa a ghiandaia imitatrice, totem della rivolta che serpeggia in tutta Panem, potrebbe fruttare alla costumista Trish Summerville un Oscar per la sua specialità.

Rimaniamo in attesa de Il Canto della Rivolta che sarà, ahimè, suddiviso in due ulteriori episodi. Per concludere il ciclo di Katniss Everdeen serviranno altri due anni e una pazienza infinita stuzzicata da trailer, teaser e marketing virale, come in ogni evento cinematografico che si rispetti. Visti i presupposti, non vedo l’ora.
Sino a quel momento, possa la fortuna essere sempre a nostro favore.

Voto: 8 +

Scena simbolo: durante il ballo a Capitol City in onore dei vincitori, porgono un bicchiere a Peeta, che ha appena finito di dire che ha mangiato troppo. Il liquido serve per indurre il vomito, “altrimenti come faresti ad assaggiare tutto?” Peeta e Katniss si allontanano disgustati. “Nel Dodici c’è chi muore di fame, qui vomitano per potersi ingozzare di più”. Distopia allo stato puro.

Annunci

Informazioni su Francesca

Normalmente, da blogger mi occupo di politica, interna ed internazionale. Nel tempo libero leggo e vado al cinema, non sempre con buoni risultati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: